• Gennaio

    27

    2021
  • 622
  • 0
AGRICOLTURA 4.0 E CREDITO D’IMPOSTA 50%: LA NUOVA LEGGE DI BILANCIO 2021 N° 178/2020

AGRICOLTURA 4.0 E CREDITO D’IMPOSTA 50%: LA NUOVA LEGGE DI BILANCIO 2021 N° 178/2020

La nuova legge di bilancio 2021, la n° 178/2020 è intervenuta a modificare il regime del credito d’imposta introdotto con la legge di bilancio 2020.
Gli interventi più rilevanti introdotti con la legge di bilancio 2021 sono la retroattività, il potenziamento delle aliquote agevolate, e l’accorciamento del periodo di fruizione. Scopriamolo insieme!

Gli interventi più rilevanti

Retroattività: i benefici della nuova normativa partono infatti dal 16/11/2020 fino al 31/12/2021

Potenziamento delle aliquote agevolative: per gli investimenti in beni materiali/immateriali “generici” è previsto un credito d’imposta del 10% per il 2021, per ritornare poi al 6% nel 2022.

Accorciamento del periodo di fruizione: il credito d’imposta è utilizzabile in 3 rate annuali di pari importo, esclusivamente in compensazione a mezzo F24; riduzione a compensazione in un’unica soluzione per investimenti in beni ordinari per soggetti con ricavi inferiori ai 5 mln di €. Ricordiamo che la fruizione del beneficio è collegata al periodo di entrata in funzione del bene ovvero dal momento della sua interconnessione.

Le conferme sulla legge di bilancio 2020

Sono confermati gli adempimenti documentali quali la perizia, per investimenti che prevedono un costo di acquisizione superiore ai 300mila €; una dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante nei casi in cui il costo di acquisizione sia inferiore.

Data l’esposizione a cui è sottoposto l’utilizzatore in caso di autocertificazione in fase di accertamento (che, ricordiamo, oltre a sanzioni amministrative può prevedere anche sanzioni penali), Agroservizi consiglia sempre ai propri clienti di procedere ad una perizia tramite l’ente certificatore con cui collaboriamo e, specificatamente, il Polo tecnologico di Pordenone.

Sono confermati altresì i requisiti tecnici che gli investimenti devono rispettare per rientrare tra i beni inseriti nell’industria 4.0. È confermata la cumulabilità del credito d’imposta con altre agevolazioni, come ad esempio il contributo previsto dalla Nuova Sabatini, a condizione che tale cumulo comporti al superamento del costo sostenuto e che sia ammesso dall’altra agevolazione di cui si intende fruire.

Vi aspettiamo in Agroservizi

Vi invitiamo in Agroservizi per eventuali approfondimenti e per valutare il vostro piano di investimento al fine di verificare i benefici fiscali compatibili, per ottimizzarne gli impegni economico-finanaziari, e massimizzare la resa oltre che a valutare vantaggiosi piani finanziari, in linea con le migliori condizioni di mercato, accompagnati da coperture assicurative che tutelano il vostro investimento.

Agroservizi S.r.l © Copyright 2020 - Privacy Policy
Call Now Button